Passa ai contenuti principali

Da oggi l'eCall è obbligatorio

Da oggi, 31 marzo 2018, grazie all'impegno delle Istituzioni Europee, l'eCall è obbligatorio su tutti i veicoli di classe M1 e N1 di nuova omologazione (quindi i nuovi modelli).
I veicoli nei quali l'installazione permanente del dispositivo è obbligatoria sono:
  • M1- veicoli a motore destinati al trasporto di persone, aventi al massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente e almeno quattro ruote;
  • N1 - veicoli destinati al trasporto di merci, aventi massa massima non superiore a 3,5 t e almeno quattro ruote.
Rimane impregiudicato il diritto del proprietario del veicolo di utilizzare un sistema eCall TPS (Third Party Service) di bordo che fornisca un servizio analogo, in aggiunta al sistema eCall 112, purché siano soddisfatte le seguenti condizioni:
  • il sistema eCall TPS di bordo sia conforme allo standard EN 16102:2011;
  • i costruttori garantiscano che solo uno dei due sistemi è attivo in un determinato momento;
  • il proprietario del veicolo abbia il diritto di scegliere in ogni momento se usare il sistema eCall 112 o il sistema eCall TPS.;
  • in caso di scelta del sistema eCall TPS, qualora il servizio non funzioni, venga utilizzato automaticamente il servizio eCall 112.
Nel momento in cui l'apparecchio eCall all'interno del veicolo rileva un impatto, genera automaticamente una chiamata di emergenza eCall e trasmette l'esatta localizzazione dell'incidente e altri dati utili (MSD - Minimum Set of Data).
Contemporaneamente alla trasmissione dei dati, viene stabilita anche una connessione vocale tra veicolo e centro di soccorso (112 o TPS). La trasmissione dei dati e la chiamata possono essere attivati anche in modo manuale tramite un apposito pulsante, con i medesimi effetti.
I dati trasmessi (MSD) comprendono almeno:
  • versione dell'MSD;
  • attivazione automatica o manuale;
  • tipo di chiamata (emergenza o test);
  • tipo di veicolo (autoveicolo, minibus, autocarro, etc.);
  • numero identificativo del veicolo (VIN);
  • tipo di propulsione del veicolo (benzina, gasolio, gas naturale compresso, etc.);
  • data e ora;
  • posizione del veicolo;
  • accuratezza della posizione;
  • direzione del veicolo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Russia: il 112 sarà il numero unico per le emergenze

La Russia unificherà tutti i numeri di emergenza in un solo numero: il 112. La popolazione dunque non dovrà più scegliere tra cinque numeri di emergenza: vigili del fuoco (01), polizia (02), soccorso sanitario (03), perdite di gas (04), e anti-terrorismo (05). L'iniziativa è già stata sperimentata in alcune regioni della Russia con una diminuzione del numero di decessi pari al sette per cento.
Moscow Mayor official website (aggiornato)

L'importanza della terza edizione del NG112 Plugtest

Nei giorni dal 28 gennaio al 1 febbraio EENA (European Emergency Number Association) e ETSI (European Telecommunications Standards Institute), con il supporto della Commissione Europea, hanno condotto la terza edizione del NG112 Plugtest a Sophia Antipolis, Francia. Durante l'evento, molti membri dell'industria tecnologica si sono riuniti per comporre l'architettura del Next Generation 112, basata sul documento LTD pubblicato da EENA, e mostrare una nuova tecnologia che, molto presto, utilizzerà le reti di comunicazioni per migliorare la risposta dei professionisti dell'emergenza. Cosa può fare il NG112 per i cittadini? Permettere a tutti di essere automaticamente ed esattamente localizzati, qualunque dispositivo utilizzino (compresi i computer portatili).Avviare videochiamate (ad esempio per esprimersi utilizzando la lingua dei segni; per mostrare le conseguenze di un incidente stradale; per chattare nel caso sia pericoloso parlare).Richiedere aiuto all'operatore …

Il dimensionamento delle Centrali di Emergenza

Corrado Maccari ci invia un interessante contributo sul dimensionamento delle Centrali Operative. Il dimensionamento delle Centrali di Emergenza Sanitaria 118: dalla prassi alla teoria Corrado Maccari (Centrale Operativa 118 Macerata Soccorso, ASUR Marche Zona Territoriale 9, Macerata), Giuseppe La Torre, Angela Del Cimmuto, Antonio Boccia (Sezione di Medicina Clinica e Sanità Pubblica, Dipartimento di Medicina Sperimentale, Università La Sapienza di Roma) Sintesi Le centrali di emergenza sanitaria in Italia sono di norma dislocate una per provincia e ognuna con un bacino di utenza molto diversi. Lo studio si pone il problema di come calcolare il numero degli operatori necessari alla gestione delle chiamate di emergenza. Normalmente si ritiene che essi vadano calcolati in modo direttamente proporzionale alle chiamate in arrivo (ovvero alla popolazione di riferimento). L’obiettivo è minimizzare la probabilità che il numero delle chiamate in arrivo contemporaneamente sia superiore al nu…