Passa ai contenuti principali

Attentati di Bruxelles: gli esperti raccomandano l'integrazione delle centrali operative

Durante i soccorsi per le esplosioni all'aeroporto di Bruxelles, le centrali 112 di Bruxelles e di Lovanio non erano in contatto: il risultato è stato che solo alcuni feriti furono inviati all'ospedale universitario Saint-Luc, sul territorio di Bruxelles e vicino all'aeroporto. Lovanio non volle sovraccaricare l'ospedale dopo l'attentato alla stazione Mælbeek e Bruxelles temeva che avesse già ricevuto i feriti dell'aeroporto (l'attentato sul treno della metropolitana è avvenuto circa un'ora dopo quelli all'aeroporto, ndr).
Il documento sostiene anche la necessità di designare un direttore dei soccorsi per la fase nazionale del piano d'emergenza, sul modello in vigore per le fasi locali. Oltre ad organizzare i differenti enti (polizia, vigili del fuoco e ambulanze), farebbe un rapporto regolare alle autorità ed alla centrale 112, organizzerebbe le zone di intervento, definirebbe i perimetri di azione, etc.
L'esperto insiste anche sulla necessità di mettere a punto uno scenario comune di arresto dei trasporti pubblici, uno dei punti di discussione dopo il 22 marzo:"Chi decide in funzione di quale fase, sulla base di quali disposizioni legali, e chi informa chi?", spiega. (L'unità di crisi del governo prese la decisione di evacuare la metropolitana alle 8:50, ma l'unità stessa non era in contatto con l'azienda dei trasporti STIB. L'allarme arrivò alla centrale 112, sovraccaricata, alle 9:04, troppo tardi. L'esplosione avvenne alle 9:11, ndr).
Viene sollevata anche la questione relativa ai piani di emergenza, che dovrebbero essere più flessibili, sovente appaiono troppo dettagliati e vengono applicati in maniera troppo stretta.
http://m.levif.be/actualite/belgique/attentats-les-experts-recommandent-l-integration-des-centrales-d-urgence-et-des-plans-plus-flexibles/article-normal-507781.html

Commenti

Post popolari in questo blog

Russia: il 112 sarà il numero unico per le emergenze

La Russia unificherà tutti i numeri di emergenza in un solo numero: il 112. La popolazione dunque non dovrà più scegliere tra cinque numeri di emergenza: vigili del fuoco (01), polizia (02), soccorso sanitario (03), perdite di gas (04), e anti-terrorismo (05). L'iniziativa è già stata sperimentata in alcune regioni della Russia con una diminuzione del numero di decessi pari al sette per cento.
Moscow Mayor official website (aggiornato)

L'importanza della terza edizione del NG112 Plugtest

Nei giorni dal 28 gennaio al 1 febbraio EENA (European Emergency Number Association) e ETSI (European Telecommunications Standards Institute), con il supporto della Commissione Europea, hanno condotto la terza edizione del NG112 Plugtest a Sophia Antipolis, Francia. Durante l'evento, molti membri dell'industria tecnologica si sono riuniti per comporre l'architettura del Next Generation 112, basata sul documento LTD pubblicato da EENA, e mostrare una nuova tecnologia che, molto presto, utilizzerà le reti di comunicazioni per migliorare la risposta dei professionisti dell'emergenza. Cosa può fare il NG112 per i cittadini? Permettere a tutti di essere automaticamente ed esattamente localizzati, qualunque dispositivo utilizzino (compresi i computer portatili).Avviare videochiamate (ad esempio per esprimersi utilizzando la lingua dei segni; per mostrare le conseguenze di un incidente stradale; per chattare nel caso sia pericoloso parlare).Richiedere aiuto all'operatore …

Il dimensionamento delle Centrali di Emergenza

Corrado Maccari ci invia un interessante contributo sul dimensionamento delle Centrali Operative. Il dimensionamento delle Centrali di Emergenza Sanitaria 118: dalla prassi alla teoria Corrado Maccari (Centrale Operativa 118 Macerata Soccorso, ASUR Marche Zona Territoriale 9, Macerata), Giuseppe La Torre, Angela Del Cimmuto, Antonio Boccia (Sezione di Medicina Clinica e Sanità Pubblica, Dipartimento di Medicina Sperimentale, Università La Sapienza di Roma) Sintesi Le centrali di emergenza sanitaria in Italia sono di norma dislocate una per provincia e ognuna con un bacino di utenza molto diversi. Lo studio si pone il problema di come calcolare il numero degli operatori necessari alla gestione delle chiamate di emergenza. Normalmente si ritiene che essi vadano calcolati in modo direttamente proporzionale alle chiamate in arrivo (ovvero alla popolazione di riferimento). L’obiettivo è minimizzare la probabilità che il numero delle chiamate in arrivo contemporaneamente sia superiore al nu…